Muri verticali in mezzo al mare

Che la presenza del verde influisca sul benessere psicologico delle persone è cosa nota a tutti e gli architetti iniziano ad inserire questa soluzione nei loro progetti

Maurizio Corrado

 I giardini verticali oltre alle loro qualità estetiche svolgono una funzione di controllo ambientale in diversi modi: producono variazioni microclimatiche come l’abbassamento della temperatura e l’incremento dell’umidità nell’aria; depurano l’aria stessa tramite l’assorbimento dell’anidride carbonica e la produzione di ossigeno; attenuano i rumori grazie alla capacità della massa vegetale di assorbire onde sonore; svolgono un’azione antisettica, favorendo la depurazione idrica e conserva la biodiversità. Sono inoltre capaci di migliorare l’isolamento termico degli edifici con conseguente riduzione dei consumi energetici e dell’emissione di gas serra, consentendo notevoli economie di esercizio e sensibili vantaggi in termini di comfort abitativo.

La presenza del verde in un qualsiasi ambiente, esterno od interno, influisce inoltre sul benessere psicologico delle persone: da diverse ricerche universitarie è dimostrato come il verde riduca lo stress e il senso di paura, favorendo una condizione il benessere interiore e di sentimenti positivi.

di riduzione del consumo di suolo e della cementificazione, dal momento che si sfruttano aree verticali. Per questi motivi gli architetti inseriscono sempre più frequentemente superfici, più o meno grandi, di verde verticale nei loro progetti. Insolita, ma indubbiamente di grande effetto, però l’idea di inserire due pareti verdi per dividere due zone funzionali  all’interno di uno splendido yacht.

Lo studio italiano che le ha realizzate ritiene indispensabile che anche la struttura portante del giardino verticale sia attenta alla sostenibilità, utilizza sempre strutture dai minimi ingombri che rimangono sempre distaccate dal muro principale di ancoraggio (grazie a montanti da 3 cm di spessore che consentono di sfruttare le peculiarità delle facciate ventilate) leggere in termini di peso, (circa 40Kg/mq che consentono di ottenere altezze elevate) e totalmente automatizzate nelle irrigazioni, grazie al sistema di fertirrigazione che alimentano i tessuti su cui sono posate le piante e il prato.

 
r.b.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento