La popolarità della Camelia

La camelia è un arbusto sempreverde che può vivere fino a 500 anni, coltivabile in terra o in vaso, con fusto durissimo e compatto e foglie graziose e lucenti.

Franca Gambini

La “Camelia” prende il nome da George Kamel, un gesuita missionario che importò la pianta in Europa di ritorno dai suoi viaggi in Cina, Giappone e India, nel 1740; ed è nota, simbolicamente, anche come la rosa del Giappone. Delle innumerevoli varietà coltivate in Giappone, solo alcune hanno un profumo distinto, ma delicato e sottile che può essere rilevato solo annusando il fiore molto da vicino.

La popolarità di questo fiore è intimamente legata alla letteratura dell’800, in particolare al romanzo di Alexandre Dumas (figlio), “La signora delle camelie”, dove si racconta come un’elegante donna mondana avesse l’abitudine di portare una camelia sul vestito per indicare ai suoi amanti la disponibilità ad amare: se il fiore era bianco, ciò significava che era disponibile, se era rosso, significava che era indisposta. Da allora, si diffuse la moda di portare una camelia per ornare scollature ed orli degli abiti o i cappelli e rimase in auge fino agli anni ’30 del Novecento.

Con l’andare del tempo e il mutare dei costumi l’interesse per questo fiore si spegne e per almeno altri 40 anni l’unico utilizzo che ne viene fatto è quello legato alla produzione di una delle bevande più bevute nel mondo, il tè. Questo si ottiene, infatti, dalle foglie di alcune varietà di Camellia sinensis. L’uso di bere tè è molto antico in Cina e nasce nell’800 a.C.. La raccolta delle foglie per la produzione del tè avviene quando la pianta ha raggiunto il terzo anno di vita, il ciclo produttivo prosegue poi sino a 50 anni. Vengono raccolti solo i teneri germogli terminali e tutte le forme di tè derivano dalle foglie della stessa pianta, ma è diverso il procedimento per ottenerle. Oggi il tè continua ad essere la bevanda più apprezzata dai cinesi, che lo bevono senza zucchero, né latte o limone, a qualsiasi ora del giorno e in qualunque luogo.

Nell’antichità la camelia aveva un ruolo molto importante nella vita quotidiana. L’olio di semi di camelia, estratto dai frutti carnosi, difficilmente si essicca e ha una straordinaria capacità di trattenere l’idratazione, perciò era largamente usato sia nei prodotti per i capelli che per il trattamento per la pelle, per proteggere dall’aridità e dalle screpolature. E ancora oggi viene utilizzato nella cucina cinese e ritenuto tradizionalmente superiore all’olio extra-vergine di oliva.
La camelia è simbolo di perseveranza in amore e di grazia, di bellezza.

Storicamente, pare che il primo esemplare arrivato in Italia risalga al 1760, ancora in vita, nel parco della Reggia di Caserta.

La camelia è un arbusto sempreverde che può vivere fino a 500 anni, coltivabile in terra o in vaso, con fusto durissimo e compatto e foglie graziose e lucenti. La pianta cresce bene in climi temperati, in posizioni riparate dal gelo e dai venti del nord.

Nome scientifico: Camellia ssp.
Nome comune: Camelia
Famiglia: Theaceae
Diffusione
: Molte delle specie di camelie sono state ottenute per ibridazione, ma i capostipiti sono originali della Cina e del Giappone e in alcuni casi anche nella penisola indiana.
Dimensioni: La pianta ha portamento arbustivo, può raggiungere 5-6 metri di altezza; molto più contenute le dimensioni delle piante coltivate in vaso.
Fiori: La tipologia dei fiori varia moltissimo a seconda delle diverse specie; possono essere di grandi dimensioni, larghi, semplici, doppi e di varie colorazioni, dal bianco al rosa, al rosso, etc; solitari (singoli) o riuniti in piccoli gruppi (2 o 3). La fioritura avviene all’estremità dei getti, meno frequentemente in posizioni intermedie, tra la fine dell’inverno e la primavera (da febbraio a fine aprile – maggio).
Foglie: Persistenti, lamina ovoidale con apice acuminato di consistenza curiosa, di colore verde brillante intenso e lucida soprattutto nella pagina superiore; i margini fogliari sono finemente dentati o debolmente seghettati.


    Fonte: www.fondoambiente.it

    Lascia un commento