Verdepedia

A
B
C
D
E
F
G
H
I
J
K
L
M
N
O
P
Q
R
S
T
U
V
W
X
Y
Z

Nabide

Famiglia di rincoti eterotteri.

Naftenato di rame

Conservante liquido per il legno che, a differenza del creosoto, una volta asciutto è innocuo per le piante.

Nanismo

Sviluppo ridotto di una pianta o di un organo. Può essere causato da certi tipi di patogeni, da nutrizione scarsa, condizioni ambientali sfavorevoli, ecc.

Nanizzante

Fitoregolatore che agisce inibendo od ostacolando, direttamente o indirettamente, la crescita di determinati organi delle piante.

Nanometro

Unità di misura corrispondente a un milionesimo (1/1.000.000) di millimetro.

Nanosecondo

Unità di misura del tempo impiegato nella elaborazione dei dati; è uguale ad un miliardesimo di secondo.

Natalità

Produzione di nuovi individui in una popolazione

Naturalizzata

Detto di piante coltivate in un ambiente naturale dove si moltiplicano da sole e richiedono poche cure. Si riferisce anche alle piante che si sono insediate in una zona di cui non sono originarie.

Neanicida

Prodotto attivo contro le neanidi di una specie fitoparassita.

Neanide

Stadio di sviluppo postembrionale di un insetto che sgusciando dall’uovo si presenta con una forma più o meno somigliante all’adulto.

Nebulizzatore

Macchina per la distribuzione di acqua o prodotti antiparassitari. La polverizzazione del liquido ed il trasporto delle goccioline sono pneumatici, sono cioè effettuati da una forte corrente d’aria generata da ventilatori centrifughi. La corrente d’aria, a velocità assai elevata, determina la polverizzazione del liquido che viene fatto confluire agli ugelli a bassa pressione, con produzione di goccioline di diametro tanto più ridotto quanto maggiore risulta la velocità dell’aria stessa. Con tali atomizzatori si ottengono goccioline con diametri fra 50-100 micron.

Nebulizzatore

Macchina per la distribuzione di acqua o prodotti antiparassitari. La polverizzazione del liquido ed il trasporto delle goccioline sono pneumatici, sono cioè effettuati da una forte corrente d’aria generata da ventilatori centrifughi. La corrente d’aria, a velocità assai elevata, determina la polverizzazione del liquido che viene fatto confluire agli ugelli a bassa pressione, con produzione di goccioline di diametro tanto più ridotto quanto maggiore risulta la velocità dell’aria stessa. Con tali atomizzatori si ottengono goccioline con diametri fra 50-100 micron.

Nebulizzazione

Trattamento consistente nell’erogazione controllata di acqua finemente nebulizzata sulle piante al fine di garantire condizioni ottimali di umidità. Usato, in particolare, nella moltiplicazione per talea

Necro-

Cadavere o, in generale, sostanza morta, anche riferito a materia vegetale.

Necrofago

Organismo che si nutre di materiale vegetale in decomposizione o di spoglie di altri animali.

Necrosato

Affetto da necrosi.

Necrosi

Complesso di alterazioni irreversibili che comportano la perdita delle funzioni vitali. Consiste nella morte dei tessuti di una pianta, rilevabile, in genere, con cambiamento di colore e con comparsa di macchie sulle foglie.

Nematocero

Sottordine dei ditteri con forme slanciate, fornite di lunghe antenne, e con larve caratterizzate da un apparato boccale masticatore.

Nematocida

Prodotto idoneo a combattere i nematodi.

Nematode

Vasto phylum di animali invertebrati a simmetria bilaterale con corpo vermiforme, non suddiviso in segmenti e con sezione trasversale circolare a cui appartengono, tra le altre, specie, molto dannose alle piante. Comprendono molte specie dannose per le colture, appartenenti ai generi: Meloidogyne, Pratylenchus, Globodera, Heterodera, Aphelenchoides, Ditylenchus, Xiphinema, ecc.

Nematode

Vasto phylum di animali invertebrati a simmetria bilaterale con corpo vermiforme, non suddiviso in segmenti e con sezione trasversale circolare a cui appartengono, tra le altre, specie, molto dannose alle piante. Comprendono molte specie dannose per le colture, appartenenti ai generi: Meloidogyne, Pratylenchus, Globodera, Heterodera, Aphelenchoides, Ditylenchus, Xiphinema, ecc.

Nematologia

Ramo della zoologia che si occupa dello studio dei nematodi.

Neofobia

Caratteristica tipica di molti roditori, di avversione a novità (nel caso specifico, ripulsa alla somministrazione di cibi non noti).

Neofondatrice

Termine attribuito ad una giovane femmina fondatrice di afidi che non ha ancora generato discendenza.

Neogallecola

Forma neonata che produce galle nei tessuti vegetali.

Neoplasia

Formazione tumorale.

Neotenina

Ormone responsabile dei caratteri giovanili e dell’accrescimento.

Nervatura

In botanica è l’impalcatura della foglia, costituita dagli stessi fasci fibrovascolari del fusto, che forma dei rilievi nella pagina inferiore della foglia. Nella terminologia corrente si riserva il termine di nervature ai grossi rami che si dipartono dalla base alare e si indicano invece come vene le ramificazioni più sottili che derivano da quelle. Avendo una particolare e ben definita disposizione in ogni gruppo, sono considerate di grande importanza sistematica. In entomologia, sulle ali degli insetti, sono le sottili strutture sclerificate di rinforzo, cave ed a sezione tubolare. Nelle uova di insetti sono i vistosi rilievi lineari presenti sul corion

Nervatura mediana

La nervatura centrale ispessita nelle foglie delle graminacee.

Nervatura principale

Nelle Dicotiledoni è spesso la nervatura centrale della lamina fogliare.

Nervatura secondaria

Le nervature secondarie si dipartono da quella principale, sono più piccole e, talora, si ramificano a loro volta in nervature terziarie.

Nervatura terziaria

Le nervature terziare si dipartono da quelle secondarie.

Nestaio

Settore del vivaio destinato alle operazioni di innesto

Nestaiola

Settore del vivaio destinato alle operazioni di innesto

Nesto

Parte di pianta utilizzata nella propagazione per innesto

Neurotossico

Sostanza attiva che agisce a livello del sistema nervoso.

Neurottero

Insetto appartenente all’omonimo ordine entomologico, per lo più vivente come predatore di altri insetti.

Neurottero crisopide

Insetto della famiglia dei Crisopidi, ordine dei Neurotteri, con adulti dalle ali membranose, trasparenti e reticolate che depongono uova all’estremità di un lungo e sottile peduncolo e con larve predatrici di afidi.

Neutrofilo

Organismo che richiede un ambiente neutro, nè acido nè con elevate concentrazioni di calcio

Nicchia

Ruolo funzionale di una specie nella comunità che include le attività e le relazioni. Nella paesaggistica si definisce un incavo ricavato nello spessore di una siepe o costruito guidando alberi, arbusti o rampicanti su un’intelaiatura, solitamente posta intorno a un sedile, una scultura, una fontana, ecc.a.

Nidificazione

Costruzione del nido ad opera di animali che cercano un ricovero per allevare la prole Si indica anche il tempo in cui si costruisce il nido e/o la stagione della cova

Nido casetta

Struttura in legno originariamente pensata per gli uccelli conformata in modo diverso a seconda delle specie che si vogliono ospitare. Oggi ne esistono anche per pipistrelli

Nimfalide

Famiglia di lepidotteri diurni con specie dai vivaci colori che in riposo mantengono le ali chiuse a libro e con larve caratterizzate da spine talora ramificate e con crisalidi con carenature, formazioni angolose e appuntite.

Ninfa

Stadio attivo ma immaturo di alcuni insetti e acari. Negli insetti è uno stadio postembrionale nel quale ha inizio la formazione delle ali. Negli acari si riscontrano in genere due o tre stadi ninfali (chiamati rispettivamente protoninfa, deutoninfa e tritoninfa) morfologicamente simili agli adulti a cui differiscono soprattutto per la non raggiunta maturità sessuale.

Ninfosi

Insieme di processi che nella metamorfosi degli insetti portano alla formazione della ninfa.

Nitrato ammonico (nitrato ammonico calcareo)

Concime semplice azotato (CE). Prodotto ottenuto per via chimica contenente come componente essenziale nitrato ammonico nonchè, eventualmente, diluenti quali roccia calcarea macinata, solfato di calcio, roccia dolomitica macinata, solfato di magnesio, kieserite. Titolo minimo: 20% N Definizione tratta dalla normativa vigente (Regolamento CE 2003/2003)

Nitrato ammonico calcareo

Concime semplice azotato (CE). Prodotto ottenuto per via chimica contenente come componente essenziale nitrato ammonico nonchè, eventualmente, diluenti quali roccia calcarea macinata, solfato di calcio, roccia dolomitica macinata, solfato di magnesio, kieserite. Titolo minimo: 20% N Definizione tratta dalla normativa vigente (Regolamento CE 2003/2003)

Nitrato del Cile

Concime semplice azotato (CE). Prodotto preparato a partire dal caliche, contenente come componente essenziale nitrato di sodio. Titolo minimo: 15% N Definizione tratta dalla normativa vigente (Regolamento CE 2003/2003)

Nitrato di calce

Concime semplice azotato (CE) e concime azotato solido. Prodotto ottenuto per via chimica contenente come componente essenziale nitrato di calcio ed eventualmente nitrato d’ammonio. Titolo minimo: 15% N Definizione tratta dalla normativa vigente (D. Lgs. 217/2006)

Nitrato di calce e di magnesio

Concime semplice azotato (CE). Prodotto ottenuto per via chimica contenente come componenti essenziali nitrato di calcio e nitrato di magnesio. Titoli minimi: 13% N; 5% MgO Definizione tratta dalla normativa vigente (Regolamento CE 2003/2003)

Nitrato di calcio (di calce)

Concime semplice azotato (CE) e concime azotato solido. Prodotto ottenuto per via chimica contenente come componente essenziale nitrato di calcio ed eventualmente nitrato d’ammonio. Titolo minimo: 15% N Definizione tratta dalla normativa vigente (D. Lgs. 217/2006)

Nitrato di calcio e di magnesio (nitrato di calce e di magnesio)

Concime semplice azotato (CE). Prodotto ottenuto per via chimica contenente come componenti essenziali nitrato di calcio e nitrato di magnesio. Titoli minimi: 13% N; 5% MgO Definizione tratta dalla normativa vigente (Regolamento CE 2003/2003)

Nitrato di magnesio

Concime semplice azotato (CE). Prodotto ottenuto per via chimica contenente, come componente essenziale nitrato di magnesio esaidrato. Titoli minimi: 10% N; 14% MgO Definizione tratta dalla normativa vigente (Regolamento CE 2003/2003)

Nitrato di soda

Concime semplice azotato (CE). Prodotto ottenuto per via chimica, contenente come componente essenziale nitrato di sodio. Titolo minimo: 15% N Definizione tratta dalla normativa vigente (Regolamento CE 2003/2003)

Nitrato di sodio (nitrato di soda)

Concime semplice azotato (CE). Prodotto ottenuto per via chimica, contenente come componente essenziale nitrato di sodio. Titolo minimo: 15% N Definizione tratta dalla normativa vigente (Regolamento CE 2003/2003)

Nitrato potassico

Nitrificazione

Demolizione di composti organici contenenti azoto. E’ un processo condotto da microrganismi aerobi, mediante il quale l’azoto passa dalla forma ammoniacale a quella nitrosa e poi a quella nitrica.

Nitrito

Forma di combinazione dell’azoto la cui presenza nel terreno, legata alle attività microbiche, è labile; lo ione nitroso è instabile e si modifica rapidamente in altre forme (nitrato, ossido nitroso, azoto elementare).

Nitrofilo

Organismo che necessita di elevate quantità di azoto

Nitrogenasi

Sistema enzimatico responsabile della fissazione dell’azoto molecolare ad opera degli organismi azoto-fissatori. Comprende diverse proteine enzimatiche contenenti ferro e molibdeno.

NMD

Diametro Mediano Numerico. E’ il diametro della goccia che divide la popolazione di gocce in due gruppi di uguale numero.

No effect level

Livello di nessun effetto. Rappresenta la quantità massima di un antiparassitario che può essere somministrata per lungo tempo ad un organismo animale, senza determinare effetti negativi. Viene espressa in parti per milione (ppm) e si definisce come no effect level o livello di nessun effetto.

No observed effect level

√à la dose più alta di una sostanza attiva utilizzata nei test sugli animali che non arreca alcun danno.

Nodo

Punto del ramo o del germoglio rigonfiato su cui sono inserite le foglie e le gemme

Nodo cieco

Punto di rigonfiamento del ramo che non porta gemme in seguito alla morte delle stesse.

Nodo del coleoptile

Sito preferenziale di penetrazione degli erbicidi antigerminello. Si trova nella parte distale del mesocotile.

Nodosità

Escrescenza o protuberanza sulle radici o sul fusto, con un sistema vascolare imperfetto.

NOEL

No observed effect level. √à la dose più alta di una sostanza attiva utilizzata nei test sugli animali che non arreca alcun danno.

Nome chimico

Nome scientifico del principio attivo (IUPAC, C.A.) di un agrofarmaco che indica la sua formula lineare.

Nome commerciale

E’ il nome registrato, attribuito dalla Società produttrice al formulato commerciale.

Nome comune

E’ la denominazione del principio attivo, attribuito da uno o più Organizzazioni scientifiche (ISO, BAN, BSI, ESA, JMAF, WSSA), che viene indicata per gli agrofarmaci nella registrazione.

Non acidoresistente

Cellule batteriche che dopo essere state colorate con carbolfucsina vengono decolorate dall’acido solforico 25%.

Non coltura

Tecnica dell’abbandono completo dei lavori al terreno occupato da una coltura arborea ed il controllo chimico delle infestanti.

Non lavorazione

Tecnica dell’abbandono completo dei lavori al terreno occupato da una coltura arborea ed il controllo chimico delle infestanti.

Nottuide

Famiglia di lepidotteri con costumi notturni.

Novellame

Termine forestale usato per indicare le giovani piantine insediatesi su una determinata superficie a seguito della disseminazione naturale delle piante circostanti

nPa

Nanopascal equivalente a 1 miliardesimo di Pa

NPV

Nuclear polyhedrosis virus: Virus della poliedrosi nucleare.

Nucleo

Componente essenziale della cellula, di forma generalmente rotondeggiante, contenente, tra l’altro, i cromosomi.

Nucleocapside

Acido nucleico avvolto dal proprio capside. Nei virus privi di membrana coincide con il virione.

Nucleotide

Unità di base degli acidi nicleici, costituito da una base purinica o pirimidinica, uno zucchero a 5 atomi di carbonio ed un residuo di acido ortofosforico.

Nucula

Frutto secco, monocarpico, indeiscente, formato da un involucro erbaceo o cuoiaceo (cupola) ora aperto, squamiforme (es. nocciòlo), ora chiuso, aculeato (es. castagno) e da più acheni aventi tegumento cuoiaceo o legnoso

Nutriente

Sostanza richiesta da un organismo per una normale crescita e per la sua attività

Nutriente assorbito

Quantità di elemento nutritivo assorbita dalla coltura, sia dalla parte aerea, sia da quella radicale, nel corso del ciclo vegetativo. E’ espressa in kg di elemento per unità di superficie, eventualmente distinguendo tra prodotto utile e residui.

Nutrimento fogliare

Soluzione fertilizzante spruzzata sulle foglie, che l’assorbono in parte.

Nutrizione

Nelle piante è l’assorbimento degli elementi nutritivi minerali ed organici. (Nutrition)

Nutrizione minerale

E’ la funzione che presuppone lo sviluppo e l’accrescimento delle piante. Sono frequenti le malattie da carenza minerale.