Genere dedicato a Johann Browall (1707-1737), svedese, che oltre a vescovo luterano e botanofilo fu autore di una opera contro i calunniatori di Linneo. Nella pratica orticola sotto questo nome vengono commerciate anche piante che in realtà appartengono al genere Streptosolen.

Famiglia: Solanaceae.
Specie: 13 specie, tutte originarie del Sud America. Si tratta di piante erbacee od arbustive, con fiori blu, lilla o bianchi.
Menzioneremo qui solamente quelle specie che possono interessare il commercio dei vasi fioriti, per lo più coltivate come annuali.

Browallia viscosa – Origine: centro America; annuale nelle colture, perenne in serra.
Browallia speciosa Hooker – Origine: sud America; perenne.
Browallia demissa Linneo – Origine: sud America; annuale.
Browallia grandiflora – Origine: sud America; annuale.

Tutte le specie sono spesso impiegate per macchie fiorite in giardino. In questo caso sono trattate quasi ovunque e tutte come annuali, fuorché in certe zone del meridione dove possono vivere all'aperto e fiorire anche d'inverno.

 

Molto decorativi i piccoli fiori di Browallia speciosa.

 

Browallia grandiflora, spesso impiegata nei giardini per creare macchie fiorite.

Moltiplicazione
La moltiplicazione per seme si può fare in qualsiasi epoca, ma si preferisce regolarsi come per tutte le altre annuali.

Coltivazione
Coltivazione delle annuali: si seminano a gennaio-febbraio e si trattano come le petunie. Alla stessa maniera si trattano le perenni che si vogliono coltivare come annuali.
Coltivazione delle perenni, si possono facilmente moltiplicare anche per talea facendo radicare in sabbia. Se le talee sono fatte a fine autunno, dopo successive spuntature e rinvasi si possono avere bei vasi con una fioritura che dura da maggio a ottobre.

Temperatura – Luce – Umidità
Le brovallie perenni coltivate in serra per la fioritura invernale necessitano dello stesso ambiente e dello stesso trattamento della calceolaria. Queste piante non sono molto esigenti in fatto di temperatura e vengono considerate da serra temperata. Richiedono una luminosità che si può considerare intermedia tra quella necessaria alla maggioranza dei Philodendron e quella dei Croton. Hanno bisogno di molta umidità e di continue spruzzatore, ma le gocce d'acqua macchiano i fiori.