Il bambù nero, come quasi tutti i bambù, ha origini asiatiche e più precisamente cinesi e giapponesi. Le canne raggiungono i cinque, sei metri di altezza ed il loro diametro è di tre, quattro centimetri, perciò si può definire un bambù medio, sia per statura che grossezza delle canne. Per quanto io conosca esso è il più ornamentale tra le varietà rustiche al nord.

 

Steli neri
Gli steli completamente neri o quasi, lucenti, hanno destato l'interesse di architetti e arredatori durante questi ultimi dodici anni ma non va dimenticato in giardino poiché ha sopportato piuttosto bene i freddi polari del gennaio 1985. Dato che non si tratta di un bambù qualunque e vigoroso da piantare in masse contro qualche muro del giardino suggerisco di metterlo invece a dimora contro sfondi chiari in zona di frequente transito, potendo così ammirare da vicino canne e fogliame.

Una siepe di bambù

Una siepe di bambù
Mi raccomando di scegliere un sito abbastanza soleggiato ed umido con terreno magaro un po' argilloso e di conseguenza pesante ma concimato con prodotti prevalentemente azotati. Evitate di tentar di sorreggere la vegetazione con fili di ferro o cavi che con il peso della neve potrebbero essere spezzati o coinvolgere gli steli causandone rotture. Tutto sommato è meglio lasciar flettere la canna sotto il peso della neve fino al suolo. La migliore messa a dimora la notai in un giardino di Kioto, in Giappone. Cinque steli piuttosto ben formati si ergevano da una piccola area ricoperta di muschio, accanto, un masso alto due spanne completava questa visione quanto mai orientale.

Dimora soleggiata
Da noi è bene cercare un sito in cui la terra si scaldi per favorire una crescita ed un buon sviluppo della canna. Se un giorno fioriranno dovrebbe morire la parte aerea e l'anno successivo pian piano ricrescere e poco alla volta raggiungere la dimensione precedente. La messa a dimora può essere effettuata in qualunque momento se il soggetto è stato coltivato in vaso; se si tratta di radici scosse è più saggio trasferire la messa a dimora ad aprile. Se intendete propagarlo, fare qualche piantina per voi o per gli amici è molto semplice. In primavera, in aprile, tranciare via con una vanga a punta quadra il rizoma che l'anno prima si è disgiunto dal gruppo centrale e ripiantarlo dopo aver rifilato il taglio con buone forbici.