Negli ultimi anni abbiamo assistito a una diffusione sempre maggiore delle Processionarie del pino e della quercia.

Questi insetti possono provocare danni ambientali nelle aree forestali e in luoghi abitati o frequentati dalle persone con presenza di piante sensibili al loro attacco e costituire un rischio per la salute umana e animale. Il fenomeno si ripete periodicamente e rappresenta una variazione naturale dovuta a una serie di fattori (clima, presenza di nemici naturali, stato della vegetazione) che possono influire sulla nascita e la sopravvivenza degli insetti. La pubblicazione intende fornire indicazioni operative e consigli di cautela a coloro – cittadini, operatori forestali e del verde ornamentale, amministrazioni comunali ecc. – che si trovano, loro malgrado, a dover affrontare il problema.

Per il download potete cliccare qui per accedere al sito dell'Arpat – Toscana