La remota Península de Osa, regione situata a sud-ovest della Costa Rica e protesa verso l’Oceano Pacifico, è un lembo di terra straordinario di un piccolo paese straordinario.
Descritta dal National Geographic come “il posto più biologicamente intenso sulla terra”, è considerata da molti la punta di diamante del paese con la biodiversità più ricca del pianeta. La Costa Rica, infatti, con la sua concentrata estensione di foresta pluviale tropicale offre a specie animali e vegetali un habitat protetto dall’istituzione dei parchi nazionali. Con la “green revolution” la Costa Rica ha raggiunto un alto standard di vita e ha perseguito una politica ecologica grazie alla quale il presidente Oscar Arias è stato insignito del premio Nobel per la pace.

”La traversata sul Rio Sierpe, che scorre tra foreste di mangrovie e sfocia nell’Oceano costeggiando la baia, regala uno spettacolo naturale incantevole…”
Incastonata tra il Rio Sierpe e il Parque Nacional Corcovado, Bahía Drake è la porta d’accesso per raggiungere la Isla del Caño, situata al largo a 19 km dalla costa nell’Oceano Pacifico. Dichiarata Reserva Biológica nel 1978, Isla del Caño presenta un ecosistema tra i meglio conservati del versante Pacifico della Costa Rica comparabile alle barriere coralline di Panamá, Colombia e Isole Galápagos. Non è raro durante la traversata imbattersi in gruppi di delfini di circa 25 specie diverse ed assistere agli spettacolari salti delle balene megattere che solcano queste acque durante le loro migrazioni. E’ la stagione del whale watching più lunga al mondo; le balene possono essere avvistate durante tutti i mesi dell’anno, eccetto maggio, anche se la maggior concentrazione dei cetacei va dalla fine di luglio all’inizio di novembre.
La maggior parte dei lodge disseminati su Bahía Drake organizza tour giornalieri in barca di snorkeling e immersioni subacquee con sosta sull’isola per il pranzo.

Al ritorno, sulle spiaggette di sabbia nera di Bahía Drake, coloratissimi ara macao annunciano la loro presenza con i classici versi acuti e gutturali che permettono di identificarli tra il fitto fogliame degli alberi. E’ possibile effettuare escursioni al vicino Parque Nacional Corcovado e i night tour, camminate nella foresta circostante alla scoperta di insetti, rane e animali notturni.
A Sierpe il lodge Cabinas Mozelle, recentemente inaugurato, é immerso nella fitta vegetazione. Dal terrazzo sopraelevato è possibile identificare varie specie di uccelli, scoiattoli ed altri animali della foresta. La vecchia signora americana che lo gestisce è un’esperta di bird watching. La piacevole passeggiata che conduce al “centro turistico” del paese, si snoda lungo una stradina sterrata circondata da alte palme da cocco ed è caratterizzata dalla presenza di scimmie cebo cappuccino e iguane, che fanno capolino tra le foglie. Il mezzo di trasporto più diffuso è la bicicletta, che risparmia ai più pigri la fatica di girare a piedi in un caldo umido irrespirabile e inondati di sudore anche dopo il tramonto! Non va dimenticato che la Costa Rica
è situata a 8° sopra l’Equatore.
Paola Ottaviano

www.materialidiviaggio.com