Un supporto dalla ricerca per gestire la pianificazione paesaggistica e per definire metodologie innovative nel governo del territorio, ponendo particolare attenzione all´applicazione della “Convenzione europea per il paesaggio”. Sono alcune delle finalità del “Centro di ricerca per la pianificazione e governo del territorio e del paesaggio“, con sede a San Giuliano Terme (Pisa), presentato al Sant´Anna il 18 novembre, dai rappresentanti dei soggetti promotori: Maria Chiara Carrozza, Direttore della Scuola Superiore Sant’Anna; Marco Frey, referente della Scuola Superiore Sant’Anna per il Centro; Fulvio Esposito, Rettore dell´Università di Camerino; Massimo Sargolini, referente dell´Università di Camerino per il Centro; Paolo Panattoni, Sindaco di San Giuliano Terme. Il Centro nascerà infatti dalla collaborazione tra la Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, l´Università di Camerino e il Comune di San Giuliano Terme.
Il Centro di ricerca promuoverà l´applicazione della “Convenzione Europea del Paesaggio” agli strumenti di pianificazione territoriale, agli atti di governo delterritorio, nonché agli strumenti di programmazione e di gestione delle risorse naturali e culturali, rivolgendo particolare attenzione a quelli che assumono una significativa valenza paesaggistica e ambientale. Il Centro avrà una spiccata vocazione interdisciplinare, grazie alle partecipazione di ricercatori con esperienze che variano dall´urbanistica all´economia all´ingegneria alle scienze agronomiche e vorrà diventare interlocutore per i soggetti, pubblici e privati, interessati a sviluppare metodologie innovative di studio, di analisi e di ricerca nell´ambito dei loro processi di tutela e sviluppo sostenibile del territorio. Il “Centro di Ricerca per la pianificazione e governo del territorio e del paesaggio” affiancherà e integrerà altre linee di ricerca sviluppate nell´ambito del “Sistema universitario pisano”dedicate a tematiche simili, seppure affrontate sotto ottiche diverse.
La prima collaborazione dei due partner scientifici del Centro (Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa e Università di Camerino, in collaborazione con l´Istituto Nazionale di Urbanistica) sarà la realizzazione del progetto “Con-ReSPace: regole, strumenti e pratiche per i paesaggi della contemporaneità”, co-finanziato dallaRegione Toscana, e orientato a valutare la conformità di un campione di circa trenta regolamenti urbanistici toscani ai principi ispiratori del “Piano di indirizzo territoriale” e alle regole fissate dalle normative regionali e nazionali in materia di pianificazione territoriale e di “Valutazione ambientale strategica”, per garantire sviluppo sostenibile e adeguata valorizzazione del paesaggio delle zone prese in esame.
Sulla nascita del Centro, Fulvio Esposito, Rettore dell´Università di Camerino, dichiara: “Questa è una prova tangibile di quanto una proficua collaborazione tra Atenei possa essere importante  per lo sviluppo del territorio. Le competenze dell´Università di Camerino e del Sant´Anna si integrano  creando una perfetta  sinergia: da parte nostra siamo lieti di poter mettere a disposizione le professionalità del nostro Ateneo nell´ambito della pianificazione urbanistica, territoriale ed ecologica. Anche con  il Comune di San Giuliano Terme è  da tempo  in atto una collaborazione che ci vede coinvolti in progetti di ricerca e siamo particolarmente grati all´Amministrazione Comunale per essersi resa disponibile collaborando alla creazione di questo centro”. In merito alla nascita del Centro, Paolo Panattoni, Sindaco di San Giuliano Terme, afferma: “Per gli enti locali è oggi fondamentale programmare e pianificare il governo del territorio, e tutte le sue risorse ambientali, monumentali e paesaggistiche, con enti e strumenti di alta qualità. Questo Centro garantirà un alto livello di studio e ricerca. Sarà capace – sottolinea il Sindaco – di orientare meglio l´operato pubblico e privato dando concretezza, saperi e serietà al termine della “sostenibilità” dello sviluppo locale in tutte le sue declinazioni, grazie a due prestigiosi istituti di studio e ricerca”.