Il Museo Giardino della Rosa Antica sorge a Montagnana di Serramazzoni e la primavera segna l’inizio della stagione delle visite al giardino, che si popola di un’incredibile varietà di colori e profumi, grazie alle grazie alle 4.000 rose e 800 varietà disseminate lungo tre ettari.

Quest’anno il tema comune degli eventi organizzati dal Museo sarà il Rinascimento: un periodo storico fondamentale per le rose, nel quale videro la luce i primi lavori d’ibridazione e si moltiplicarono le testimonianze di artisti e poeti riguardo la diffusione di questo fiore, fino ad allora molto rare.

Risale ai primi dell’’800 la nascita della collezione di rose più importante del mondo, la Malmaison, voluta da Giuseppina Bonaparte, moglie di Napoleone.

Il calendario

14-15; 21-22 aprile 2012. Rose e spezie. Le radici e le origini dei sapori

Due tappe del ciclo di eventi Musei da Gustare, promosso dalla Provincia di Modena, con un percorso di allestimenti, degustazioni e laboratori alla scoperta di erbe, acque aromatiche e sciroppi.

27 maggio. Giochi di Rose nel Rinascimento

Un percorso dedicato alle Rose Rinascimentali che hanno ispirato artisti e poeti nel XV e XVI secolo. La storia, le leggende e il potere suggestivo delle rose raccontati dal gioco incalzante della rievocazione storica con danze, poesie e https://www.verdeepaesaggio.it/immagini. Per rivivere il fascino delle rose antiche nel rinascimento.

31 maggio. Giuseppina Bonaparte e le Rose

Celebrazione del ricordo delle rose della Malmaison, la residenza di campagna, dove Giuseppina Bonaparte creò la collezione di rose più importante del mondo. Alla visita guidata nel Parco Giardino seguirà la presentazione del libro Eva e la Rosa della scrittrice Claudia Gualdana e l’intervento del Dottor Reinhard Witt, tra i massimi esperti a livello europeo di rose naturali.

Un’asta di rose contribuirà a raccogliere nuovi fondi per il progetto SLA SLANCIO e la costruzione di un Centro di Ricovero per i malati terminali non oncologici.

 

www.museoroseantiche.it