Fertilizzante in cui il carbonio non è un componente essenziale della sua struttura chimica di base. Per la normativa italiana sono considerati fertilizzanti inorganici anche quelli contenenti carbonio organico di origine biologica. In particolare sono ammessi i concimi contenenti azoto organico di sintesi, ovvero azoto contenuto nei composti organici ottenuti con processi industriali di sintesi.