Termine forestale usato per indicare lo stadio di vegetazione delle fustaie successivo al novelleto, fino al momento in cui le chiome dei semenzali (alti fino a circa 3 m) non vengono a reciproco contatto. Al forteto segue la perticaia.