Materiali di propagazione, ottenuti da piante parentali esistenti e già certificate o riconosciute come materiali CAC, che rispondono ai requisiti sanitari minimi di qualità, in particolare quelli relativi al procedimento di moltiplicazione applicato, alla purezza delle colture in fase di crescita, allo stato fitosanitario e al carattere varietale