Macchina costituita da una vagheggia (o da un secondo vomere dotato di versoio accorciato) a pianta triangolare allungata che penetra nel terreno sul fondo del solco e vi opera una rottura che lascia il terreno stesso sminuzzato e soffice senza portarlo in superficie. Si impiega accoppiato all’aratro