Per i fitofagi la cui presenza comporta danni qualitativi sui frutti (es. la presenza di Aspidiotus perniciosus sui frutti compromette l’esportazione dei medesimi) la soglia di intervento si posiziona su valori minimi rispetto alla densità del fitoparassita.