Carciofo: in erboristeria e in cucina

Il carciofo (Cynara scolymus) non cresce spontaneo: si pensa derivi da cardi selvatici che crescono abbondantemente nelle regioni mediterranee. L'uomo, fin dai tempi remoti, provvide a selezionare le piante più grosse e più commestibili. Impiego terapeutico La parte più ricca di principi...
Continua a leggere...

 

A caccia di insalate

Quando non c'erano patate e fagioli e pomodori, si badava di più a ciò che cresceva dietro casa, e l'acetosa era una delle verdure preferite. Da noi è pressoché scomparsa dai mercati. Pochi mazzetti di fresche foglie in primavera sul banco di qualche erbivendolo appassionato richiamano antiche...
Continua a leggere...

 

Si colorano di blu i margini del fiume Piave

La patata blu cresce bene a Moriago della Battaglia, ai margini del fiume Piave, dove sembra avere trovato il suo habitat naturale. È una varietà antichissima che proviene dalle Ande peruviane, celebrata per la ricchezza di antiossidanti, sostanze  che, neutralizzando i radicali liberi, sono in...
Continua a leggere...

 

Associazione Produttori della Patata Turchesa del Parco

L’uomo e la terra del Parco Il territorio del Parco racchiude un patrimonio ambientale straordinario che rende questo comprensorio una delle aree più interessanti e peculiari in ambito europeo e mediterraneo. Una natura superba, dominata dai gruppi montuosi più imponenti dell’Appennino, plasmata...
Continua a leggere...

 

Achillea millefolium: dai campi alla cucina

Raccoglierò la verde Achillea cosicché la mia figura possa essere più piena... la mia voce più dolce... le mie labbra come il succo della fragola... ferirò ogni uomo, ma nessun uomo potrà ferire me. Da un antico canto gaelico. Nomi comuni: achillea, millefoglio, erba formica, erba dei tagli,...
Continua a leggere...

 

Equiseto: in erboristeria e in cucina

La coda di cavallo o Equisetum arvense è una pianta singolare: all'inizio della primavera emette un fusto corto, rossastro, privo di clorofilla, all'apice ha una spiga ricca di spore che assicurano la riproduzione. Appena assolta questa funzione, il fusto avvizzisce e muore, ma subito ne nasce un...
Continua a leggere...

 

Salvia: in erboristeria e in cucina

Origine del nome: deriva dal latino salvare = guarire. «L'erba della salvezza» era molto usata dai Greci, poi si diffuse anche in Italia. Era coltivata sia nei giardini dei semplici che negli orti dei contadini. E' opportuno raccogliere la salvia nelle prime opere pomeridiane e prima della...
Continua a leggere...

 

Ginepro: in erboristeria e in cucina

I frutti sono usati da secoli e Catone il Vecchio raccomandava un vino a base di bacche di ginepro come diuretico. Per avere dei galbuli ricchi di principi attivi, bisogna raccogliere in autunno quelli di due anni che sono di un bel colore blu-nero e si prelevano dalle piante che vegetano dai 200 ai...
Continua a leggere...

 

Gentiana maggiore: in erboristeria e in cucina

Le varie specie con i fiori o gialli o blu o porpurei hanno ispirato deliziose leggende presso vari popoli europei. Secondo Plinio il suo nome generico deriva da Genthios, re dell'Illiria nel II secolo a. C., che ne avrebbe fatto conoscere le virtù benefiche, ma ciò è molto improbabile perché fu un...
Continua a leggere...

 

Cippolletta

Nome botanico: Allium fistulosum Lin, "Fistulosum" deriva dal latino, "a forma di tubo". Nomi volgari italiani: Cipollotti, cipolla d'inverno. Nomi stranieri: Fr. Ciboule; Ingl. Welsh onion; Ted. Wintereckenzwiebel. Famiglia: Liliacee. Descrizione Le varietà commerciali sono simili alla...
Continua a leggere...