Avvicendamento colturale

E’ la successione di colture su uno stesso appezzamento, al fine di mantenerne o migliorarne la fertilità e contenere gli attacchi di insetti parassiti, di crittogame e la presenza di erbe infestanti. Le colture, ai fini del loro inserimento nell’A., possono essere considerate: miglioratrici (apportano miglioramenti alla struttura o alla fertilità del terreno), da rinnovo (ripristinano la fertilità del terreno), depaurperanti (lasciano il terreno in condizioni di ridotta fertilità). Quando l’A. segue rigidi schemi nel tempo e sugli appezzamenti aziendali, prende il nome di rotazione. (Crop rotation)