Donne protagoniste nella storia del giardino: Maria Teresa Parpagliolo Shephard

Orticola di Lombardia e il Garden Club di Monza e Brianza organizzano l’ottava edizione del Premio Lavinia Taverna, cui si affianca il convegno dedicato a donne speciali che hanno contribuito in prima persona alla storia del giardino nel Novecento.



Giovedì 18 ottobre 2012 nella prestigiosa Villa Taverna a Canonica Lambro si svolgerà l’ottava edizione del premio Lavinia Taverna; nato nel 2005 da un’idea di Maria Theresa Ferraro Rossi, ex-presidentessa del Garden Club di Monza e Brianza, il premio intitolato alla creatrice dei bellissimi Giardini della Landriana, nel Lazio, vuole essere un riconoscimento alle figure femminili che hanno dedicato impegno, professionalità e passione ai giardini e alle piante, diventando icona e ispirazione per tutte le giovani donne che vogliono intraprendere questa carriera.
L’edizione 2012 del convegno è dedicata a Maria Teresa Parpagliolo Shephard, che fu, come riporta The Oxford Companion to Gardens (fondamentale testo enciclopedico sull’arte dei giardini), “uno degli architetti paesaggisti più rilevanti del ventesimo secolo”.
Nata a Roma nel 1903, descritta come una donna spigliata, energica, sincera, aperta, allegra e spiritosa, Maria Teresa Parpagliolo Shephard può essere annoverata tra le poche donne della sua generazione che riuscirono, nel periodo tra le due guerre e nel secondo dopoguerra, a ritagliarsi uno spazio nel nuovo campo professionale dell’architettura del paesaggio.

Nel 1928 si recò in Inghilterra e si formò presso lo studio del paesaggista Percy Stephen Cane; al suo ritorno fu chiamata a lavorare alla pianificazione dell’Esposizione Universale a Roma, affiancando Raffaele De Vico e Pietro Porcinai nella redazione del Parco dell’Eur, e divenendo capo dell’Ufficio Parchi e Giardini di Roma dal 1940 al 1942.
Nel 1946 si sposò con il militare inglese Ronald Shephard e visse in Inghilterra fino al 1954, dove collaborò con l’architetto Frank Clarke progettò il Regatta Restaurant Garden (ca. 1950) con il ruolo di Deputy Landscape Consultant per il Festival of Britain.

hotel_cavalieri_parpagliolo
Parco dell’Albergo Cavalieri Hilton a Roma

Nell’immediato dopoguerra vinse, con l’amica e collega Elena Luzzatto Romoli, il concorso per il cimitero militare francese di Monte Mario a Roma. Tra i suoi progetti si ricordano il parco dell’Albergo Cavalieri Hilton a Roma nel 1963, l’atrio della Rai di Viale Mazzini nel 1966 e l’intero progetto del verde stradale e dei giardini pubblici e privati della città-giardino di Casal Palocco.
In qualità di segretaria dell’Associazione Italiana degli Architetti del Giardino e del Paesaggio (AIAPP), elaborò con Pietro Porcinai un progetto per la fondazione di una scuola per l’Architettura del Paesaggio, la prima di una serie di iniziative che portarono all’apertura della Scuola di Specializzazione in Architettura del Paesaggio istituita nel 1978 presso la facoltà d’Architettura dell’Università degli Studi di Genova.
Tra gli ultimi lavori è la ricostruzione del Bagh-i Babur a Kabul, il giardino cinquecentesco dell’imperatore Moghul Babur, un progetto al quale fu incaricata dall’Istituto Italiano per il Medio ed Estremo Oriente (IsMEO) nel 1970.
Morì a Roma nel 1974. *

Nelle edizioni passate il Convegno ha avuto come protagoniste: Lavinia Taverna, Vita Sackville-West, Gertrude Jekyll, Beatrix Farrand, Rosemary Verey, Edna Walling, Sylvia Crowe e diversi sono i relatori che sono intervenuti a presentarne il pensiero e le opere: Massimo Venturi Ferriolo, Paolo Pejrone, Francesca Orestano, Vita Fortunati, Filippo Pizzoni, Ada Segre, Elisabetta Pozzetti.
Nelle sette precedenti edizioni sono state premiate altrettante giovani donne che si sono avvicinate al giardino e al paesaggio come paesaggiste o giardiniere.

Programma dei lavori della giornata di giovedì 18 ottobre
ore 15.00 Benvenuto ai partecipanti e apertura dei lavori

ore 15.30 Vincenzo Cazzato
Giardini al femminile. Le donne e il giardino italiano del Novecento

ore 16.00 Francesca Orestano
L’avventura di una specie esotica: Maria Teresa Parpagliolo Shephard

ore 16.30 Filippo Pizzoni
I giardini di Maria Teresa Parpagliolo tra testo e realizzazione

Francesca Marzotto Caotorta consegna il Premio Lavinia Taverna a una giovane donna che si impegna nel mondo dei giardini e del paesaggio
ore 17.00 Relazione della vincitrice del Premio
ore 17.30 Conclusioni
ore 17.45 Drink

Per la partecipazione le adesioni dovranno pervenire entro lunedì 1 ottobre  2012 presso Orticola di Lombardia. Tel. +39 02 76001496 – info@orticola.org

*(Testo tratto da Maria Teresa Parpagliolo Shephard (1903–1974) pioniera di una nuova cultura del giardino tra tradizione e modernità. di Sonja Duempelmann, Dr.-Ing. Associate Professor of Landscape Architecture, Harvard University.)