Fosforo

Il fosforo (P) domina l’intero metabolismo della pianta con funzione prevalentemente plastica. Le piante assorbono questo elemento per via radicale nella sua forma ossidata come anione. Il ruolo principale del fosforo negli organismi vegetali è quello di entrare come costituente negli acidi nucleici, nei fosfolipidi e in particolare nell’ADT e nelle altre molecole che utilizzano il fosforo per l’accumulazione e il trasferimento dell’energia chimica. Come ATP partecipa principalmente alla sintesi degli aminoacidi e alla sintesi proteica, al metabolismo dei carboidrati e a tutti quei processi di costruzione delle piante quali radicazione, lignificazione, crescita dei giovani tessuti. Il fosforo è contenuto nel suolo in quantità modeste ed è presente nelle molecole organiche originatesi dalla decomposizione dei resti vegetali. Nei processi di umificazione e di mineralizzazione si possono rendere disponibili quantità importanti di fosforo assimilabile. Il suo assorbimento è legato al pH del terreno. Con livelli elevati di pH infatti il fosforo forma con il calcio composti come fosfato bicalcico e soprattutto fosfato tricalcico che, essendo insolubili, non permettono alla pianta un’assimilazione adeguata.