I segreti del misting

La micronebulizzazione ovvero il condizionamento naturale degli spazi esterni

Quando si soffre per il troppo caldo è possibile trovare un minimo di refrigerio passeggiando in riva al mare o intorno ad un lago. Se siamo invece su una spiaggia, la sensazione di disagio dovuta al caldo sembra diminuire od è più sopportabile: la soluzione non consiste soltanto nel fatto che siamo meno coperti (il che potrebbe essere addirittura negativo), ma in pratica la superficie di grandi bacini d’acqua come il mare ed il lago è soggetta ad evaporazione ad opera dell’azione battente del sole che “impegna” gran  parte della sua energia nel passaggio di stato fisico dell’acqua. Avviene quindi una sorta di condizionamento naturale dovuto all’effetto adiabatico dell’ evaporazione.
Ogni litro d’acqua che evapora sottrae dall’ambiente una quantità considerevole di calore ed il misting  è il sistema mediante il quale si riesce a favorire tale fenomeno fisico.
La vaporizzazione e la relativa trasformazione dell’energia termica irradiante sono proporzionali alla grandezza delle particelle d’acqua ed alla ventilazione esistente; in pratica, più piccole sono le particelle d’acqua, più superficie espongono all’insolazione ed alla ventilazione  e quindi all’evaporazione. Ciò ci spiega infatti il benessere che proviamo nelle vicinanze di una cascata dove l’acqua si rompe in particelle finissime e forma una nebbiolina, oppure la gradevolezza della brezza marina dove il vento si unisce alla frammentazione dell’acqua. In entrambi i casi si genera un raffrescamento di tipo evaporativo.
Il MISTING è quella tecnica in grado di ricreare artificialmente queste condizioni nei giardini, sotto i gazebi od in tutte le aree all’aperto mediante un sistema ecologico e a basso costo di esercizio che si basa essenzialmente sulla produzione di una nebbia impalpabile e non bagnante costituita da minutissime gocce del diametro di 0,001 millimetri che si ottengono mediante la pressurizzazione dell’acqua a circa 100 bar.
Un impianto tipo è quindi formato da una pompa ad alta pressione che è alimentata mediante modeste quantità di acqua (2-3 lt. al minuto bastano per rinfrescare un centinaio di metri quadrati). L’acqua opportunamente filtrata è dispensata da particolari ugelli sottoforma di nebbia impalpabile.
Gli impianti realizzabili sono essenzialmente di due tipologie che differiscono per la presenza o meno di ventilatori tradizionali, che permettono l’utilizzo dell’impianto evaporativo anche nelle ore serali o in ambienti non soggetti ad insolazione diretta. La nebbia generata ha anche la proprietà di tenere lontani diversi insetti le cui ali si appesantiscono oppure può essere utilizzata per l’abbattimento di polveri ed odori.
I costi:
Pompa, tubi,  filtri,  raccordi ed ugelli hanno un costo che si aggira intorno ai 1500/2000 euro. Il montaggio incide per un 30%. Chiaramente per realizzazioni professionali i costi diventano più sensibili, ma in tutti i casi non è conveniente risparmiare sui costi della pompa che deve essere affidabile, silenziosa e non consumare oltre 1KW/h  per impianti residenziali.