Il Parco di Villa Carcano ad Anzano

Il Parco di Villa Carcano ad Anzano si estende lungo i fianchi di una collina, con una vista incantevole sul lago di Alserio, sulle Grigne e sul Resegone.

 I Carcano erano presenti dal primo Seicento ad Anzano, dove avevano sviluppato un’importante attività agricola su terreni che si estendevano molto oltre i confini del parco attuale. 

Nel 1793-94 il marchese Alessandro Carcano, milanese, fece edificare un’imponente villa in stile neoclassico, progettata dall’architetto Leopoldo Pollack.

Il vastissimo Parco (oltre 40 ha) fu realizzato intorno al 1810, su disegno già tracciato dal Pollack, con una tipica impostazione paesaggistica, includendo strutture ed elementi che ne accentuano l’impronta romantica.

Accanto agli edifici rurali sorsero così numerosi elementi d’arredo e di piacevole uso: edicole, un teatro di verzura e una ghiacciaia, mentre, in un alternarsi di ampie spianate e di fresche vallette, fu realizzato un grande laghetto con isole, circondato da viali e gruppi di alberi maestosi.

Fra gli esemplari arborei più interessanti vanno menzionati vetusti Celtis australis, Ginkgo biloba, Aesculus hippocastanum e poi Chamaecyparis, tassi, cedri. Addentrandosi nel parco s’incontrano grandi masse di palme e lauri, uno spettacolare Fagus ‘Purpurea Tricolor’, altissimi Abies nordmanniana, magnolie e castagni plurisecolari. Un viale di carpini conduce al lago principale, popolato da ninfee e da fauna selvatica, con due isolette e un promontorio attraversato da un tunnel, un tempo navigabile. Fino a metà Novecento il lago era utilizzato per produrre ghiaccio, che veniva conservato in una delle diverse ghiacciaie della proprietà, venduto in estate e dato in dono ai malati. Fin dalle origini, il Parco e’ stato vissuto dalla famiglia Carcano – che ancora oggi ne è proprietaria – non come un giardino formale da esibire, ma come un ambiente vivo e familiare. E questa e’ ancor oggi l’atmosfera che vi si respira, senza concessioni alle esteriorità architettoniche o botaniche: un luogo piacevole da vivere e da scoprire.
 

 

www.grandigiardini.it