Irrigatore

Dispositivo destinato ad erogare l’acqua sotto forma di pioggia durante l’irrigazione. Gli irrigatori possono essere di tipo statico o dinamico. Quelli di tipo statico a pressione sono particolarmente adatti per piccole superfici anche non pianeggianti: il getto è "a pioggia" ma, a seconda dell’ugello, può risultare polverizzato o orientato. Possono essere a braccia rotanti, con ugelli fissi o orientabili e con basi di appoggio differenti, oppure a braccio oscillante dai quali l’acqua esce veramente in forma di pioggia. In questo caso il braccio, sul quale sono praticati tanti piccoli fori, è mosso da un motore idraulico e lancia un ventaglio di getti paralleli, avanti e indietro, bagnando interamente la superficie. Alcuni irrigatori sono dotati di un dispositivo che fa variare automaticamente la velocità di oscillazione del braccio, consentendo una certa uniformità di precipitazione anche alle estremità dell’area bagnata. In tutti può variare l’ampiezza dell’oscillazione e quindi quella dell’area irrigata. Negli irrigatori dinamici, chiamati anche a intermittenza, il getto d’acqua è lanciato lontano e, grazie a un rompigetto posto vicino all’ugello, frazionato in tante gocce. La rotazione può essere continua oppure a settori e la base d’appoggio può essere a slitta oppure a treppiede o ancora rientrabile nel terreno, una volta che l’irrigatore è in riposo