Lavori in giardino: il tappeto erboso in inverno

Nel mese di dicembre sospendete tutti gli interventi di manutenzione, ad eccezione della pulizia superficiale. Con il rastrello o la scopa di ferro asportate foglie secche, rametti e infestanti annuali […]

Nel mese di dicembre sospendete tutti gli interventi di manutenzione, ad eccezione della pulizia superficiale.
Con il rastrello o la scopa di ferro asportate foglie secche, rametti e infestanti annuali ingiallite.
Ripetete questa operazione con regolarità perché i depositi lasciati sulla superficie potrebbero soffocare l’erba e limitare la circolazione di aria e acqua.

L’ultimo lavoro da effettuare per preparare il prato a superare i rigori invernali è la copertura autunnale.
Sulla superficie ripulita distribuite uniformemente uno strato di buon terriccio mescolato a torba e stallatico stagionato; eventualmente, se il suolo è molto compatto, aggiungete anche una dose abbondante di sabbia fine (circa il 20-30%).
Ogni mq 1.000 occorrono circa  2,5-3 mc di compost. Questa copertura, oltre a riparare l’erbetta dai rigori invernali, contribuisce a migliorare la tessitura del terreno e a tenere sotto controllo la formazione del feltro; inoltre, contenendo principi attivi che vengono ceduti gradualmente, il prato ha a disposizione sostanze nutritive fino alla primavera.

Terminati tutti gli interventi di manutenzione, potete riporre gli attrezzi e i macchinari da giardinaggio, dopo averli puliti e oliati nelle parti metalliche.
Disattivate anche l’impianto di irrigazione e svuotate accuratamente i tubi per evitare danni dovuti al gelo.