Legacoop: la più grande e urgente opera pubblica è la messa in sicurezza del territorio

Al termine dei lavori del Comitato Silvicoltura che si è riunito il 4 febbraio a Modena per definire il Piano di lavoro 2010, il presidente di Legacoop Agroalimentare Giovanni Luppi ha dichiarato la disponibilità dell’associazione riguardo la salvaguardia del territorio.
«Le cooperative forestali e i loro consorzi, aderenti a Legacoop Agroalimentare, sono pronte per concorrere alla realizzazione della più grande, oggi diventata la più urgente, opera pubblica del Paese: la cura e la manutenzione del territorio fatto di boschi da gestire (10,5 mil di ettari), fiumi da regimare, suoli da mettere in sicurezza». Sono 150 i consorzi e le cooperative, 3.000 i soci, fra maestranze e tecnici, che trovano sintesi unitaria nazionale nel consorzio AppenninoVivo Europa. L’esperienza, consolidata in venti anni di esperienza nei territori montani, ha fatto maturare competenze, capacità professionali notevoli sia nell’esecuzione di interventi di gestione forestale e ambientale – utilizzando, peraltro, le più moderne tecniche dell’ingegneria naturalistica – sia nella pianificazione e progettazione ambientale . «Migliorando l’ambiente si è creato e sviluppato lavoro, questo il lodevole percorso di queste cooperative – ha continuato Luppi– questo l’obiettivo che si rinnova e si rafforza in tempi di crisi occupazionale, di necessità ed obblighi (vedi il Protocollo di Kyoto e il difficile negoziato di Copenhagen), di intervenire sui tanti mali che affliggono il nostro territorio». «Visto che si tratta di gestione di progetti pubblici – ha sottolineato Teodoro Bolognini, responsabile del settore Silvicoltura – rimane fondamentale il rapporto con le Istituzioni, Unione Europea, Governo italiano e Regioni, per le quali, viste le difficoltà economiche e occupazionali, questi temi non sono ora fra le priorità». «Noi continueremo, anche con le iniziative decise nell’incontro, nel nostro lavoro di pungolo e di proposta – sottolinea Bolognini–. A questo proposito è stata presa una importante decisione, salutata con favore dai componenti il tavolo di settore, di avvalersi in modo organico e continuativo di professionalità che possano supportare con contributi tecnici e scientifici l’azione politico-sindacale».