Saxifraga: conoscerla da vicino

Cosmopolite, di aspetto estremamente vario, vivono in ambienti fra i più disparati: in alta montagna, in pianura, su substrati calcarei o silicei, in zone aride o paludose

 

Saxifraga paniculata e Vinca minor in fiore. Anche la pervinca, è una specie indigena reperibile nel luoghi selvatici e nelle boscaglie collinari. Viene coltivata nel giardini per fare tappeti sempreverdi.

Saxifraga burserana diffusa dalle Alpi Orobiche alle Giulie fino al veronese. Sono reperibili alcuni esemplari anche sul M. Tombea e nel Gruppo del Brenta

Il genere Saxifraga, comprende circa 300 specie, di cui una sessantina presenti nella nostra flora, e numerosi ibridi di origine orticola. Il nome deriva dalle parole latine saxum = pietra, roccia e frangere = rompere, in allusione alla natura tenace di queste piante quasi capaci di rompere le rocce; in realtà non arrivano a tanto, ma alcune specie sembrano esserne in grado in quanto riescono a far penetrare le loro radici in piccolissime fessure e buchi di rocce.

Molte specie hanno una particolare caratteristica: la presenza sui margini fogliari di incrostazioni calcaree bianche, a guisa di squamette o di puntini, che si formano in seguito ad evaporazione della linfa, ricca di bicarbonato di calcio, attraverso piccole aperture dette pori acquifera, a contatto con l'aria il bicarbonato solubile si trasforma in carbonato di calcio (aragonite) insolubile. Quasi tutte hanno le foglie basali riunite in rosette persistenti e sempreverdi che formano cuscini compatti di grande effetto ornamentale. Le rosette fiorifere di alcune specie (S. caesia, S. hostii, S. paniculata, ecc.) muoiono dopo la fioritura, ma sono sostituite da altre che porteranno fiori negli anni successivi.
Le sassifraghe trovano conveniente collocazione nelle roccaglie, lungo corsi d'acqua, tra le fessure di muri a secco. Le specie sono numerose e tutte pregevoli dal punto di vista ornamentale. Ne descriveremo alcune tra le più comuni.
La sassifraga gineprina (Saxifraga burserana L.) è di piccole dimensioni (alt. 5-10 cm) ed è originaria delle Alpi centrali e orientali. Ha rosette compatte, ovoidali, con foglie glauche, piccole, lesiniformi, rigide. I fiori, grandi, isolati, bianchi o gialli, sbocciano da marzo a luglio, a seconda dell'altitudine.

Della stessa statura, ma con rosette meno compatte, è la sassifraga verdazzurra (Saxifraga caesia L.) spontanea nelle Alpi, Alpi Apuane, Appennino settentrionale e centrale, Pirenei. Le foglie sono arcuate, coriacee, incrostate di calcare. I fiori, di colore bianco, sbocciano da giugno a settembre.

Saxifraga caesia, di aspetto simile a Saxifraga squarrosa ma di dimensioni maggiori e con pulvini meno compatti. E' specie pioniera, permettendo il successivo insediamento di Carex firma. Si trova a una altitudine variabile fra i 1700-2700 m s.l.m.

Saxifraga hirsuta var. 'Variegata' particolarmente ornamentale per le macchie gialle irregolari del fogliame

 

Di aspetto del tutto diversa è Sassifraga hirsuta L., così chiamata per i piccioli irti di peli. Originaria dei Pirenei e dell'Irlanda, alta 30-40 cm quando è in fiore, ha fusti striscianti e foglie reniformi con bordi dentellato-crenati. I fiori, molto appariscenti, bianchi con chiazze gialle e rosso-carminio, sbocciano da maggio a luglio. La varietà 'Variegata' ha foglie con macchie irregolari gialle.

La sassifraga di Host (Saxifraga hostii Tausch), alta 50-60 cm, è spontanea nelle Alpi centro-orientali. Ha foglie spatolato-lineari con i dentelli marginali ricoperti da concrezioni calcaree. I fiori, con petali bianchi cosparsi di punti violacei, sbocciano in giugno-luglio.
La sassifraga a foglie opposte (Saxifraga oppositifolla L.), diffusa in tutta la catena alpina fino a 3800 m, alta appena 3-4 cm, ha fusti striscianti formanti vasti tappeti. Le foglie, incrostate di calcare, riunite in rosette, sono addensate e opposte, da cui il nome. I fiori molto belli, grossi e solitari, con petali rosei ed antere giallodorate, sbocciano da maggio ad agosto. Vi sono varietà a fiori bianchi e 5 porpora-cremisi.
Sassifraga sempreviva (Saxifraga paniculata Miller = S. aizoon Jacq.), spontanea in tutta l'Italia nelle Alpi e Appennini e nelle catene montuose della restante Europa e del Nord-America, ha rosette verde-glauco con foglie coriacee bordate da denti acuminati cosparsi di bianche secrezioni calcaree. I fiori hanno petali bianchi spesso macchiati di punti purpurei; sbocciano da giugno ad agosto. E' molto rustica e sa sfruttare minime quantità di terreno ovunque esso si trovi: in piccoli buchi di rocce, di muri, tra beole, ecc.

Saxifraga hostii

Saxifraga oppositifolia

Dal Nord-America è la sassifraga della Pennsylvania (Saxifraga pennsylvanica L.) che ha fiori piccoli, di colore giallastro, portati da fusti eretti e alti fino a 80-90 cm. Fiorisce in luglio-agosto.
Proveniente dalla Cina e dal Giappone è Saxifraga stolonifera Meerb (S. sarmentosa L.). Alta 50-60 cm durante la fioritura, come dal nome ha stoloni striscianti, sottili, rossi, che producono nuove piantine. Le foglie sono carnose, reniformi, con la pagina inferiore rossastra, quella superiore elegantemente venata di biancoargenteo. I fiori, bianchi e venati di rosa, molto caratteristici, hanno due petali più lunghi degli altri. Fiorisce da luglio a settembre. La varietà 'Tricolor', utilizzata come pianta d'appartamento, ha foglie variegate di giallo e rosso.

 

Saxifraga pennsylvanica

 

Saxifraga tombeanensis

La Sassifraga del Monte Tombea (Saxifraga tombeanensis Boiss.), alta 5-10 cm, ha foglie carenate, grigioverdi, riunite in rosette ovoidali che formano cuscini compatti. I fiori, bianchi e abbastanza grandi, sbocciano da maggio a luglio. E' tipica del Monte Tombea nelle Giudicarie.
Dalla Spagna proviene la Sassifraga triforcuta (Saxifraga trifurcata L.) che forma dei cuscini compatti sempreverdi somiglianti a muschio. Alta 25-30 cm durante la fioritura, ha foglie basali divise in tre lobi a loro volta bi-triforcuti, le cauline tridentate. I fiori, bianchi, numerosi, portati da dense infiorescenze a pannocchia, sbocciano da aprile a giugno. E' una delle più belle sassifraghe ed è ornamentale in tutto I'arco dell'anno sia per i tappeti verdi e perenni, che forma in breve tempo, sia per la fioritura molto abbondante e prolungata.

Comunemente chiamate sassifraghe sono le specie del genere Bergenia che i botanici hanno staccato dal genere Saxifraga. Le più comuni sono B. cordifolia (Haw.) A. Br. e B. crassifolia (L.) Fritsch, tutte e due originarie dell'Asia nord-orientale. La prima si differenzia dalla seconda per le foglie cordate alla base, come dice il nome. Alte 20-30 cm, hanno foglie grosse, brillanti, sempreverdi. I fiori, campanulati, di colore rosa, rosa-lillà, rosa pallido, rosso, riuniti in pannocchie compatte, sbocciano da gennaio ad aprile. Molto rustiche, longeve, sono interessanti per la loro precoce fioritura e per la facoltà di espandersi velocemente. Non avendo particolari esigenze in quanto a terreni ed esposizioni, vengono convenientemente utilizzate per consolidare scarpate e tappezzare zone ombrose sotto grossi alberi.

Saxifraga stolonifera

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Saxifraga trifurcata (a destra in basso)

Bergenia crassifolia 

Coltivazione
La coltivazione delle sassifraghe è abbastanza facile, ma solo se si dispone di ambienti adatti che, purtroppo, variano da specie a specie. In quanto a clima amano le zone fredde, essendo, quasi tutte, originarie di località montane. In quanto a terreni, ad esclusione delle specie del genere Bergenia, hanno particolari esigenze. Si può dire, anzi, che il buon esito della coltura è condizionato dalla composizione, o meglio, dalla reazione del substrato. Alcune specie, infatti, prediligono terreni alcalini come S. burserana, S. tombeanensis, S. caesia, S. trifurcata; altre amano terreni acidi, umidi e ricchi di humus come S. pennsylvanica, S. stolonifera, S. hirsuta; altre ancora vegetano bene indifferentemente sia in terreni alcalini che in quelli acidi come S. oppositifolia e S. paniculata. La moltiplicazione avviene per divisione dei cespi, dopo la fioritura, con trapianto direttamente a dimora, oppure mediante rosette non fiorifere che si fanno radicare in cassoni freddi. E' preferibile il primo metodo poiché il secondo è lungo e laborioso e richiede apposita attrezzatura. Tra le cure colturali sono necessarie le scerbature, le concimazioni periodiche e l'asportazione delle infiorescenze appassite.