Siepe mediterranea

Sempreverdi o decidui, rustici, semirustici o delicati, si prestano a molte situazioni diverse.
Per i giardini delle case di vacanza, per esempio, che sono solitamente poco seguiti, conviene ispirarsi alla natura e scegliere tra le specie che crescono spontaneamente nelle regioni mediterranee, capaci di arrangiarsi da sole e sopravvivere senza cure: il corbezzolo, il lentisco, il mirto, il rosmarino, la ginestra, l'erica arborea ed altri arbusti di cui si parlerà successivamente.
Si possono mescolare più , specie o utilizzarne una sola: per esempio di solo rosmarino, di solo corbezzolo o, per un effetto più allegro, di oleandri (Nerium oleander), allevati a cespuglio, utilizzando un'unica varietà o più varietà diverse, a fiore bianco, albicocca, giallo, rosa chiaro, rosa scuro o porpora.

Da sinistra a destra: corbezzolo, carpenteria, Ceanothus e mirto.

Per una siepe mediterranea specie e varietà meno impiegate, come Myrtus communis 'Tarantina', dal fogliame minuto e compatto; M. communis 'Variegata', dal fogliame verde e bianco, e Pittosporum tenuifolium (2-3 m e oltre), dalle belle foglie verde-oliva chiaro, con i margini ondulati, i fusti quasi neri e i piccolo fiori color porpora.
Chi ha modo di curare il proprio giardino, può anche utilizzare arbusti meno rustici e più esigenti, come l'arancio del Messico (Choysia ternata, 1,5-2 m), dal fogliame lucido sempreverde e dai fiori bianchi profumati, il delicato Solarum rantonettii (2 x 2), dalle campanelle violette, Carpenteria californica (2-2,5 x 1,5-2,5 m), anch'esso sempreverde, a foglia scura e grandi fiori bianchi semplici, molto resistente alla siccità, Feijoa sellowiana (3 m di altezza o anche oltre), sempreverde dai riflessi argentati e fiori rossi, da collocare al riparo e nei terreni leggeri, Osmanthus e Ceanothus sempreverdi, come l'incantevole C. thyriflorus e C. impressus (3 m), dalle fogli minute e lucide e dalle piccole pannocchie di fiori azzurro-polvere.
Ceanothus, Osmanthus, Carpenteria californica, Choysia ternata e Solanum rantonettii sono sensibili al gelo e ai venti freddi, per cui vanno collocati in posizioni riparata e talvolta protetti.
Si potrà completare la siepe con una bordura di lavande (Lavandula officinalis), il cui fogliame argentato contrasta piacevolmente con quello scuro sullo sfondo, fiorita da giugno d agosto a seconda della varietà.
Altri arbusti adatti per una siepe mediterranea sono l'allegra e folta Lantana camara (1 – 1,5 m), dai fiori gialli e arancioni in mazzetti, seguiti da bacche rosse, Pyracantha, tra cui P. coccinaea (2-3 m), sempreverde, eretto, spinoso, dagli abbondantissimi piccoli fiori primaverile seguiti da frutti arancioni, e, nei terreni più soleggiati e ricchi di sostanza organica, le rose, per esempio le varietà di Meilland, rifiorenti e molto facili da coltivare, o tra Rosa rugosa, come Rosa rugosa alba e R. rugosa rubra, a fiore bianco e rosa porpora, 'Agnes', da fiore doppio di un delicatissimo giallo canarino, 'Sarah van Fleet', doppia e rosa chiaro: sono infatti molto rustiche, robuste, resistenti al caldo e al vento, crescono inoltre bene anche nei terreni sabbiosi. Una siepe di rose avrà bisogno di frequenti annaffiature e concimazioni.