Tappeto erboso: la scelta del rasaerba

Un rasaerba adeguato rende il lavoro meno gravoso e rilassante come dovrebbe sempre essere il lavoro dedicato al giardino.

Per il manutentore professionista buona parte del risultato economico della sua attività dipenderà dalla scelta di attrezzature efficienti e idonee all'ambiente nel quale opera. In questo caso l'analisi dei costi di esercizio, tema a cui sarà dedicata una delle prossime puntate di questa rubrica, fornisce ulteriori e specifici elementi in base ai quali effettuare la scelta. Per superare le perplessità dell'ipotetico cliente di fronte alla grande disponibilità di soluzioni tecnologiche e di modelli, il primo passo da compiere è quello di individuare il sistema di taglio più conveniente e, solo dopo, la tipologia di macchina.
Il sistema di taglio va individuato in base alla funzione svolta dal prato, che determina l'altezza e la frequenza di taglio. Infatti per salvaguardare l'aspetto estetico e la fruibilità del prato, non si può asportare con il taglio più del 70% della pianta in prati da parco, del 50% in quelli ornamentali e del 40% in quelli più sofisticati come i prati degli impianti sportivi. E' evidente che una gestione intensiva del prato, per essere corretta, richiede anche irrigazioni e concimazioni adeguate che consentano alla cotica erbosa di rigenerarsi.

Un'altra variabile da considerare è la possibilità di effettuare il mulching, cioè una triturazione spinta dell'erba all'atto del taglio che consente di non raccogliere la massa erbosa; questa, deposta sul terreno, si decompone velocemente. L'impiego della barra falciante di derivazione agricola è limitato ai parchi di grande estensione, gestiti in modo estensivo, nei quali la frequenza di taglio è molto bassa. Infatti questo sistema, caratterizzato da una controlama fissa e da una lama oscillante con moto alternativo, riproduce l'effetto della forbice riuscendo ad operare anche con l'erba molto alta. Tale sistema di taglio è presente sulle motofalciatrici con conducente al seguito, o portate da trattori; in entrambi i casi non è prevista la raccolta diretta dell'erba. Aumentando la frequenza degli interventi conviene adottare il sistema rotativo nel quale il taglio è effettuato mediante un'azione di tipo cinetico, ottenuta imprimendo ad una lama con asse di rotazione verticale un'elevata velocità. Tale sistema è adottato nella maggioranza dei rasaerba sia hobbistici che professionali perché robusto, affidabile, meno impegnativo, sia sotto il profilo economico che della manutenzione, rispetto agli altri sistemi. Inoltre il carter protettivo, che migliora la sicurezza, e l'adozione di lame particolari consentono di realizzare rasaerba specializzati nel mulching, tecnica che consente di evitare la raccolta e, quindi, lo smaltimento dell'erba, ma che prevede una frequenza di taglio quasi doppia rispetto alla tecnica convenzionale.

Solo nei prati "tecnici" come quelli degli impianti sportivi (calcio, hockey) e dei campi da golf è necessario utilizzare rasaerba equipaggiati con il sistema di taglio elicoidale, che sono in grado di effettuare un taglio netto e regolare anche operando ad altezze di taglio nettamente inferiori a 10 mm. Ciò è garantito da una serie lame elicoidali fissate su un cilindro con asse di rotazione orizzontale, che durante moto sfiorano una controlama fissa collegata al telaio. Questo sistema può essere impiegato solo quando la frequenza di taglio è molto elevata.

La tipologia della macchina viene scelta in base a numerosi elementi che non sempre è possibile sintetizzare schematicamente, come ad esempio le condizioni ambientali (omogeneità della superficie, pendenza, ostacoli, incidenza dei bordi), il comfort, la disponibilità di tempo e la somma che si intende investire, anche se quelli più importanti sono la superficie del prato e la frequenza di taglio. I rasaerba si distinguono per il tipo di motore (elettrico, elettrico a batteria, a benzina a 2 o 4 tempi, diesel), il tipo di trazione (a spinta o a motore), la posizione del conducente (al seguito della macchina o a bordo), la larghezza di taglio (nei rasaerba con conducente al seguito è generalmente compresa fra 40 e 55 cm, nei riders da 50 a 150 cm, e nelle macchine professionali anche di qualche metro). I rasaerba elettrici, leggeri, economici, poco rumorosi e che non emettono gas di scarico, sono limitati nelle prestazioni dal cavo di collegamento con la rete Enel. In un prossimo futuro lo sviluppo della tecnologia degli accumulatori potrà senz'altro favorire la diffusione di queste attrezzature, che proprio nella loro silenziosità hanno il pregio maggiore. La disponibilità della trazione, che diventa importante quando il prato è in pendenza o di grande estensione, e la posizione del conducente, sono scelte legate alla disponibilità economica.

Prato

Tagli (nanno)

Altezza di
taglio (mm)

Sistema
di taglio

Probalità
di Mulching

Estensivo

6-10

50-70

barra di taglio

no

Da Parco

10-20

40-50

rotativo

no

Da Parco

20-30

30-45

rotativo

si

Ornamentale

15-25

30-40

rotativo

no

Ornamentale

25-40

15-30

rotativo

si

Sportivo

25-50

20-40

rotativoelicoidale

si

Da Golf
Fairways

25-40

20-30

rotativo

si

Da Golf
Avant Green

40-70

12-18

elicoidale

si

Da Golf
Green

120-150

4-7

elicoidale

si