Tessitura e capacità idrica

 In un terreno possono essere distinti tre livelli idrici:

  • livello di saturazione idrica;

  • livello di capacità di campo;

  • livello di appassimento.

La differenza tra il volume di acqua a livello di saturazione e quello a capacità di campo è detta acqua gravitazionale perché viene rilasciata dal terreno in percolamento verso gli strati profondi dove non è più utilizzata dalle piante. L'acqua gravitazionale è circa la stessa quantità dell'acqua contenuta a capacità di campo. Non tutta l'acqua a capacità di campo è però disponibile per le piante; circa il 50% di essa infatti non può essere assorbita essendo la forza di suzione delle radici inferiore alla forza di trattenuta del terreno. L'acqua disponibile è quindi la differenza tra l'acqua a capacità di campo e quella al punto di appassimento.
Ma se il rapporto percentuale tra i tre livelli di acqua del terreno è praticamente di 4: 2: 1, ben diverso, a seconda della tessitura del terreno, è il volume dell'acqua contenuto nel terreno a questi tre livelli, come mostra la tab. 1. Dalla tabella appare che, passando da terreni a tessitura sabbiosa a terreni a tessitura argillosa, purché questi ultimi presentino una struttura normale, l'acqua disponibile è quantitativamente ben diversa.
La correlazione tessitura – capacità idrica evidenzia alcuni fatti di valore applicativo:

  1. se la struttura del terreno è normale, ad un aumento del contenuto in argilla cresce il volume di acqua disponibile per le piante. Le irrigazioni estive o quelle del periodo siccitoso che segue la normale stagione delle piogge, possono essere ritardate ed effettuate con turni lunghi e volumi d'acqua proporzionali alla capacità di campo ma sempre piuttosto robusti;

  2. un più largo rapporto tra argilla e sabbia + limo presenta opposte situazioni;

  3. nella situazione di elevato tenore in argilla correlato a scarsa struttura i terreni, soffrono di asfissia, sono poco permeabili, interessati a fenomeni riduttivi anziché ossidativi della sostanza organica;

  4. in situazioni di scarsa disponibilità idrica ed in periodo siccitoso, la somministrazione di un eguale volume di acqua ad ettaro in un terreno sabbioso ed in uno argilloso vede il coefficiente di disponibilità idrica per le piante maggiore nei terreni sabbiosi.

Tab. 1 – Quantità d'acqua disponibile (H2O-D) in terreni di diversa composizione granulometrica

Tipo di terreno

Rapporto
argilla/sabbia + limo

Massima acqua disponibile calcolata

Su % del peso terreno

Sul volume del terreno (*)

Tenace

1/1

18%

23%

Piuttosto tenace

1/2

16%

21%

Medio impasto

1/3 – 1/4

14%

19%

Leggero

1/5

12%

17%

Sciolto

1/6 – 1/9

8%

12%

Sabbioso

< 1/10

5%

8%