Tetto verde: perché?

Oggi si può portare il verde, le piante, i fiori anche là dove sino a ieri sembrava impossibile: sui tetti, sulle terrazze, nei cortili pavimentati che nascondono costruzioni sotterranee.

In tutti questi casi la vegetazione non ha solo un ruolo estetico, ma soprattutto funzionale, in quanto protegge contro gli sbalzi termici, la grandine, i raggi ultravioletti e il rumore, crea un microclima favorevole per la vita dell’uomo, utilizza l’acqua piovana che altrimenti andrebbe sprecata.

L’inverdimento pensile, insomma é un mezzo efficace per migliorare la vita urbana, consentire un significativo risparmio energetico e ridurre l’inquinamento.

I vantaggi ecologici ed economici dei tetti verdi sono a portata di mano:

VANTAGGI ECOLOGICI

  • Miglioramento del microclima.
  • Influsso positivo sul clima degli ambienti interni.
  • Nuovi ambienti di vita per uomini, piante ed animali.
  • Regimazione idrica e conseguente alleggerimento del carico sulla rete di canalizzazione dell’acque bianche.
  • Protezione dal rumore attraverso minore riflessione e migliore insonorizzazione.
  • Filtraggio delle polveri e fissaggio di sostanze nutritive dall’aria e dalle piogge.

VANTAGGI ECONOMICI

  • Miglioramento della qualità di abitazione e di vita.
  • Durata maggiore dell’impermeabilizzazione attraverso la protezione dagli agenti atmosferici.
  • Migliore isolazione termica e quindi risparmio energetico, funzionamento più economico degli impianti di climatizzazione, migliore utilizzazione degli immobili.
  • L’inverdimento pensile è incentivato dall’Amministrazione pubblica.
  • Aumento di valore degli immobili.

 

Inverdimento pensile di tipo estensivo

Sono inverdimenti che, dopo il primo o secondo anno dall’impianto, richiedono manutenzione ridotta. Normalmente sono sufficienti 1 o 2 interventi all’anno. Sono strutturati in modo che l’approvvigionamento idrico e di elementi nutritivi avvenga, nella misura maggiore possibile, attraverso processi naturali.

La vegetazione impiegata è costituita da piante a sviluppo contenuto in altezza che richiedono ridotta manutenzione e con caratteristiche di veloce radicamento e copertura, resistenza alla siccità e al gelo, buona autorigenerazione.

Lo spessore delle stratificazioni è normalmente ridotto (minore di 15 cm.). Il substrato impiegato è costituito prevalentemente da componenti minerali.

Il peso delle stratificazioni é compreso tra i 75 e i 150 Kg/mq.

Gli inverdimenti estensivi vengono utilizzati particolarmente su grandi tetti (es. capannoni industriali) in sostituzione delle usuali coperture in ghiaia o altri materiali inerti. I costi di realizzazione sono contenuti.

 

Inverdimento pensile intensivo

Sono inverdimenti che richiedono sempre regolare manutenzione (sfalci, irrigazioni, diserbi, concimazioni …). Viene impiegata un’ampia gamma di tipi di vegetazione: tappeti erbosi, erbacee perenni, cespugli, alberi …

Lo spessore delle stratificazioni è superiore ai 15 cm. (normalmente non supera i 40 -50 cm.). Il substrato impiegato é costituito da una miscela bilanciata di componenti minerali ed organici.

Il peso delle stratificazioni e superiore ai 150 Kg/mq.

L’inverdimento intensivo viene impiegato per la realizzazione di veri e propri giardini su qualsiasi tipo di superficie pensile: tetti, terrazze, garage …

 

Elevata ritenzione idrica

 

 

Trattenimento di polvere e sostanze nocive

 

 

Maggiore isolamento acustico

 

 

Superfici fruibili
 

 

Miglioramento del clima

 

 

Prolungamento della durata della copertura

 

 

Isolazione termica aggiuntiva

 

 

Ambiente di vita per animali e piante