Vi piacciono le api ?

Un concorso per nuove arnie

Aimez vous les abeilles ? Vi piacciono le api ?

Do you like bees ?
 
 
Gennaio / Settembre 2012
 
 

Parlare di api in questo periodo buio di confusione socio-politica e culturale, sembra un contributo esemplare su come potrebbe funzionare il mondo se fossimo meno presuntuosi e più propensi di sanare quello che abbiamo invece di mirare sempre altrove. Il popolo delle api merita una varietà di riflessioni, di ricerche, di studi, di analisi, perché noi dobbiamo gran parte del nostro benessere a questo esercito di artiste. Nel corso degli ultimi dieci anni una serie di circostanze dannose ha messo a rischio la sopravvivenza della specie e la continuità dei benefici illimitati che le api offrono all'umanità. L'inquinamento crescente, l'utilizzo dei pesticidi, la mancanza della vegetazione adatta che crei il microclima favorevole alle loro attività, la contemporaneità di questi fattori ha contribuito alla minaccia incombente che l'equilibrio ecologico ambientale supportate dalle api in modo incisivo, non sia più garantito.

 

Una via d'uscita sta nello sviluppo di metodi innovativi che esplorano degli spazi alternativi urbani in cui le api ritrovano una base fertile per svolgere la produzione dei loro beni. E' questo l'obiettivo del bando di concorso dedicato alla costruzione di arnie in città, sui tetti e sulle terrazze, alla base dei saperi del design contemporaneo. Il concorso si rivolge: a tutti gli studenti di architettura e design, e a giovani architetti e designer neolaureati under 30.

 
 
 

La seconda categoria, aperta a tutti, abbraccia gli amanti delle api, di qualsiasi età, apicoltori e non, che pongano l’accento verso i contributi che le diverse discipline dell’architettura, arte e design apportano al prodotto finito. E' rigorosamente richiesta la realizzazione di arnie replicabili e funzionali di qualità artistica.

 

Il progetto “ Aimez-vous les abeilles “è l'esempio di una sinergia riuscita tra amministrazioni pubbliche, enti privati, sponsor locali, volontari di svariate provenienze, ed esperti tra apicoltori, naturalisti, architetti, scienziati, curatori, critici e gli artisti stessi che in maniera unanime desiderano contribuire al possibile ritorno delle api nelle città contemporanee al fine di contrastare in modo efficiente queste parole poco incoraggianti di Albert Einstein «Se l'ape scomparisse dalla faccia della terra, all'uomo non resterebbero che quattro anni di vita».

 

Il bando completo e il modulo d'iscrizione sono scaricabili dal sito www.itsliquid.com. Per consegna schede di adesioni e delucidazioni a riguardo : abeilles.competition@gmail.com

 

Si ringrazia la Direzione dell'Accademia di Brera per la lungimirante collaborazione che ha messo in atto il primo workshop a riguardo; La Fondazione Musei Civici Veneziani ed in particolare la Direzione del Museo di Storia Naturale per l'accoglienza della mostra dei finalisti nel mese di settembre 2012 a Venezia. Un ringraziamento sentito al comitato scientifico e organizzatore che illustra la tematica del concorso da svariati punti di vista scientifici, filosofici, artistici, poetici e pratici :

 

Pier Antonio Belletti, Luca Berdusco, Renucio Boscolo, Luca Curci, Fortunato D'Amico, Filippo De Filippi, Margherita Fusco, Giuseppe Ganeo, Elisabeth Saint Juste Gluckstein. Gastone Mariani, Luca Mizzan, Angela Occhipinti

 

Per la promozione e la diffusione del bando si ringrazia Sopramaresotto e Nemeton Network. Media Partner ufficiale It's Liquid Group . Pubbliche Relazioni Taob

Partner Eventi MilanoFoodWeek