Energie rinnovabili intorno alla centrale di Chernobyl

a chernobyl si piantano alberi per decontaminareA Chernobyl nel 1986 si verificò la peggiore catastrofe della storia nucleare civile che ha effetti che perdurano nel tempo.
Gli impianti ora sono circondati da tre zone controllate, il cui accesso è interdetto e che sono parte dell’area di interdizione, che è formata da una zona circolare di circa 40 chilometri di diametro, che misura circa 2.600 chilometri quadrati.
Ora il governo ucraino, stando al disposto di una recente delibera governativa, vuole piantare alberi (in prevalenza abeti) e costituire impianti di energia alternativa, con impianti di cogenerazione che bruceranno legna contaminata, installazioni solari ed eoliche.

I lavori per la messa in sicurezza della centrale sono iniziati ma le previsioni sulla durata di decomissioning dell’area variano anche  50 anni.