Agri Business Club: un portale integrato per la creazione di una rete di imprese multifunzionali

La multifunzionalità in agricoltura è uno dei temi forti della 40ma edizione di EIMA International e a questo argomento è dedicato M.I.A., il salone per le attività legate alla gestione del territorio, alle manutenzioni, alla gestione del verde urbano e periurbano: uno spazio altamente scenografico per far incontrare agricoltori, operatori e progettisti del verde e le pubbliche amministrazioni.
EIMA M.I.A. presenta tecnologie per la multifunzionalità e servizi, occasioni d’incontro e di analisi con tecnici e operatori, confermandosi la vetrina di un comparto in espansione, che si prevede possa negli anni prossimi arrivare a rappresentare una quota cospicua dell’economia agricola del nostro Paese. Un settore che può contare su un preciso inquadramento legislativo in forza della nuova formulazione dell’art. 2135 del codice civile che riconosce al settore primario la capacità di generare redditi aggiuntivi e di creare nuove opportunità.
Nell’ambito del salone è stata annunciata la creazione di Agri Business Club (ABC), un network d’imprese che costituisce una vera e propria filiera produttiva integrata senza il vincolo della territorialità, che consente alle imprese agricole (che vogliono entrare nel mercato dei servizi verdi pubblici e privati) di ampliarsi, abbattendo i propri limiti di filiera e rendendosi visibili, mettendo in rete le proprie maestranze e le proprie macchine/conoscenze.

Le imprese, oggi, devono essere orientate verso forme di integrazione multisettoriale, per aumentare la competitività e aggredire segmenti di mercato non debitamente serviti.

Attraverso il portale http://www.mia-agricoltura.it/abc.php, infatti, da un lato le Aziende Agricole possono registrarsi (a titolo completamente gratuito) per promuovere la loro attività e dall’altro le Amministrazioni Pubbliche (sempre a titolo gratuito) possono trovare l’Azienda Agricola Multifunzionale a loro più vicina. Già oltre 70 Enti territoriali (tra Regioni e Province) hanno dato la loro adesione a questo progetto.

Nel salone MIA sono presenti postazioni dedicate per gli operatori che da subito vogliono aderire al progetto direttamente in Fiera.

La creazione della rete è affinacata anche da un’opportunità diu formazione del tutto innovativa nel campo dell’agricoltura: le aziende che aderiscono al progetto di ABC hanno la possibilità di accedere a corsi formativi appositamente studiati, frequentabili in azienda o in sedi dedicate oppure tramite una piattaforma di e – learning senza il vincolo di presenza in aula (quando la tipologia della lezione non lo richiede), senza rinunciare all’assistenza tecnica e al supporto del docente.

Grazie a questa piattaforma esclusiva, gli utenti possono accedere a veri e propri corsi virtuali completi di audio e slides animate che riproducono la medesima atmosfera della lezione frontale.

La piattaforma è resa disponibile dall’accordo tra PromoVerde (Associazione nazioanle per la valorizzazione del paesaggio e dell’ambiente naturale, che riunisce la filiera del Verde in Italia), partner e patrocinatore di ABC, e Iscom ER, la società del gruppo Conceommercio Emilia Romagna specializzata in formazione per i settori del Turismo, del Commercio e dei Servizi, che mette a sistema le proprie competenze nel settore della formazione per la realizzazione di un progetto finalizzato  alla formazione a 360 gradi dei dipendenti delle aziende agrciole che aderiscono al progetto ABC.
La presenza di un partner come PromoVerde garantisce la professionalità nella progettazione del corso e la qualità dei professionisti selezionati per le lezioni..

Iscom ER supporterà PromoVerde e ABC nella progettazione di piani formativi specifici per le aziende, che possono usufruire delle nuove proposte di formazione finanziata (quindi, anche in questo caso, senza spese per l’azienda che decide di aderire al progetto) previste nella nuova programmazione 2013 – 2015 di Fondo For.Te, il più importante tra i fondi interprofessionali per la formazione continua, per numero di aziende che lo hanno scelto, rappresentativo dei diversi settori economici e del tessuto imprenditoriale italiano.

Il corso che è stato presentato e promosso a EIMA MIA, il primo di una lunga serie, è il corso sulle Corrette tecniche di manutenzione e gestione del territorio – a voucher – per il quale le aziende possono chiedere il voucher a totale copertura del costo per i propri dipendenti. La prima edizione del corso sarà erogata dalla Scuola Agraria del Parco di Monza.

Il corso Corrette tecniche di manutenzione e gestione del territorio è la naturale conseguenza del messaggio forte di questa edizione di Eima, ribadito dal convegno Territori rurali a rischio: proposte per un governo integrato degli ambiti fragili, nel quale, tra gli altri temi, i relatori (Paolo de Castro, Giuseppe Blasi, Massimo Gargano, Giovanni Tamburini, Maria Luisa Bargossi, Enrico Borghi, Gianluca Cristoni e Alessandra Furlani) hanno ripreso la proposta avanzata dal Governatore della Banca d’Italia, Ignazio Visco, secondo cui è necessario sostenere la crescita economica e nazionale sùattraverso un piano straoridnario contro il didùssesto idrogeologico. Durante il convengo è stato sottolineato come l’agricoltura debba tornare a prendersi cura del territorio  (come sottolineato anche da un articolo dello stesso Cristoni, consultabile sul nostro sito ) e che a questo proposito serva una formazione specifica.

Per maggiori informazioni:
http://www.mia-agricoltura.it
info@mia-agricoltura.it